Seguita conferenza stampa per la terza stagione de “Gli accordi rivelati, rassegna internazionale di Musica da camera” presso la Società Canottieri Sirio lunedì 16 ottobre, introdotta dalla presidente Loredana Carrain per gli onori di casa e dall’assessore alla cultura del comune di Ivrea Andrea Benedino che ha ricordato come la città e soprattutto i giovani abbiano risposto a questo nuovo approccio alla musica da camera in un’operazione di alto livello internazionale che ha visto l’appoggio dell’amministrazione comunale e della fondazione Guelpa insieme con altri sponsor e alla felice collaborazione con “Il Contato del Canavese” per il teatro “Giacosa”. Ha poi preso la parola l’artefice della nuova stagione, il maestro Stefano Musso, direttore artistico dell’associazione culturale “Il Timbro”, che ha ricordato in tre punti la genesi della stagione, aprendo di fatto agli spettatori una interessante visione del mondo musicale attraverso lo studio e la preparazione, concerti da sentire in giro per l’Europa,  decidere, prendere accordi, incastrare date dialogando con le organizzazioni musicali internazionali. Ha poi dichiarato con soddisfazione che gli obbiettivi raggiunti con le altre due precedenti stagioni dovrebbero far bene sperare per il progetto che per il terzo anno vede portare la musica da camera a Ivrea, in un teatro straordinario (il civico Giacosa) per la sua acustica e il grande valore storico, ad un pubblico non necessariamente legato alla musica classica. Una formula con la lezione concerto, l’apericena e il concerto che ha attirato soprattutto un pubblico giovanile. Stefano Musso ha voluto sottolineare la qualità degli artisti: “molto giovani e molto bravi, e mi sento davvero soddisfatto l’avere una media di 230 persone per evento a Ivrea. “ Riconfermato con entusiasmo il maestro Antonio Valentino, docente di musica da camera al Conservatorio di Torino e membro fondatore del Trio Debussy.

Anche quest’anno verrà mantenuto il format originale con concerti tenuti da complessi cameristici di fama internazionale costituiti da giovani musicisti,  preceduti da una lezione esplicativa del M° Antonio Valentino e da un’apericena. Gli spettacoli si terranno la domenica sera nella splendida cornice del Teatro Giacosa con inizio alle ore 19 (concerto alle 20.30); sono previsti quattro concerti di musica da camera il 12, il 26 novembre e il 10 dicembre 2017, e l’11 marzo 2018. Novità di questa edizione della rassegna un quinto concerto, che si terrà il 25 marzo 2018, dedicato all’ascolto di una masterpiece della musica classica, la sonata “Hammerklavier” di Beethoven, eseguita da un grande interprete cileno, il pianista Luis Alberto Latorre.

Il primo concerto vede protagonista il “Lobkowicz trio” costituito da tre giovani musicisti cechi, straordinari interpreti della musica di compositori del loro paese. Il programma, intenso e dal sapore di canto popolare, prevede l’esecuzione di composizioni di Anton Dvorak (1874-1935) e di Josef Suk (1841-1904).

Il secondo concerto nasce dalla collaborazione col “Festival Est Ovest 2017” e sarà tenuto dalla Camerata RCO, il complesso cameristico  della prestigiosa Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam. Verrà eseguito il meraviglioso quartetto in Fa maggiore di Maurice Ravel e una prima italiana assoluta: “Seraphim Canticles” di Lera Auerbach, composizione per sestetto d’archi. Il quartetto olandese  si varrà della collaborazione della viola di Adrian Pinzaru e del violoncello di Claudio Pasceri.

Il “Notos Quartett” suonerà il 10 dicembre 2017 e ci proporrà pagine di Brahms e Shubert, oltre un’affascinante brano di Bryce Dessner. I musicisti berlinesi sono reduci da due anni di successi internazionali, l’incisione di un inedito quartetto di Bartok e premi in importanti concorsi.

L’ultimo concerto di musica da camera sarà tenuto dal “Trio Gaspard” l’11 marzo 2018. All’apice della loro carriera musicale, il trio ci proporrà due trii per pianoforte “di repertorio”, quello in re minore di Faure e quello in la minore di Ravel, insieme ad un brano di uno dei maggiori compositori e didatti taliani dell’era moderna, Alfredo Casella.

Quest’anno è stato inserito un quinto appuntamento. il 25 marzo 2018 verrà proposto l’ascolto di una grande composizione della musica classica, con una lezione propedeutica esclusivamente dedicata ad essa, eseguita da un musicista affermato di rilievo internazionale. E’ stata scelta l’”Hammerklavier”, sonata per pianoforte di L. Van Beethoven, la più lunga ed una delle più complesse. L’esecuzione è stata affidata a Luis Alberto Latorre, grande pianista cileno dalla particolare sensibilità, che parlando della sua estetica personale e musicale dice: “quiero ser un musico pensante y comprometido”. Gli abbonamenti saranno in vendita dal 19 ottobre presso: “il Contato del Canavese” tel. 0125 641161 (piazza F. Nazionale 12 a Ivrea) e presso la Galleria del Libro, tel 0125 641212 via Palestro 70, Ivrea)

ufficio stampa associazione “il Timbro”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...